Giralastoria 11, tra storie native e storie migranti

In occasione della Giornata mondiale del Rifugiato 2015 torna Giralastoria.

Eutópia vi invita venerdì 19 giugno ad una “geopedalata tra storie native e storie migranti”, un percorso narrativo che andrà a scoprire (anche grazie al supporto linguistico di mediatori interculturali) i principali “segni” della memoria pubblica di Reggio Emilia, i fatti storici e le memorie civili, i luoghi e i posti del transito, delle migrazioni e del lavoro della nostra città. 

Ci si troverà, muniti di bicicletta, per scoprire questi spazi intrisi di voci e di memorie alle ore 18:00 in piazza Martiri del 7 Luglio, da dove inizia il percorso attraverso il quartiere del “Popol Giost”, l’arco di Santa Croce, piazza Domenica Secchi, via Bligny e le ex “Reggiane”, per raggiungere infine il Centro internazionale Loris Malaguzzi.

Qui, dalle ore 20:30, è prevista una agorà, spazio aperto dove sarà possibile ascoltare storie di migranti, dove interverrà Loretta Giaroni, quale portavoce dell’esperienza delle Scuole e nidi d’infanzia a Reggio Emilia, e nel corso della quale è previsto un breve estratto dal laboratorio teatrale “Questo è il mio nome” creato, sotto la guida e la direzione artistica del Teatro dell’Orsa, dai richiedenti asilo e rifugiati che hanno partecipato al corso di teatro organizzato nella primavera di quest’anno.

È previsto un rinfresco finale.

La partecipazione è gratuita.

Altri post collegati:

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag Html

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>