Ogni opera di confessione

Da alcuni giorni è iniziata la campagna di crowdfunding relativa ad un nuovo docu-film sull’area delle ex “Reggiane”, dal titolo Ogni opera di confessione, realizzato da Alberto Gemmi e Mirco Marmiroli.

Si tratta di un film di ricerca, che si pone l’obiettivo di esplorare le relazioni in atto tra gli individui, le forme del paesaggio e i suoi suoni. Il focus è sulle ex Officine Meccaniche “Reggiane”, i cui spazi (dopo anni di abbandono) sono tornati al centro […]

#24 - Su Zoom, le ''Reggiane'' di Bruno Cattani

Zoom, la nota rivista fotografica, ha dedicato spazio nel suo ultimo numero al servizio  […]

#22 - Fabbriche d’arte: le Officine ''Reggiane''

La rivista Abitare dedica un focus alle ex “Reggiane”: dalla decadenza archeo-industriale, […]

#21 - Reggiane spa

Con la costituzione della società di trasformazione urbana Reggiane spa prosegue il percorso […]

#20 - Le ''Reggiane'' nel capolavoro di Miyazaki

Nel suo ultimo film d’animazione “Si alza il vento”, il leggendario mangaka giapponese […]

#19 - Metti un ''Liga'' alle ''Reggiane''

E a questo link c’è l’articolo della Gazzetta di Reggio, a firma del “nostro” Daniele Valisena.

#18 - ''Reggiane'', baruffe fuori tempo massimo

Sulle macerie delle “Reggiane” spira un vento di baruffa, per la polemica scoppiata tra […]

Se le ''Reggiane'' diventano una tribal area

E’ stato preannunciato qualche mese fa, ma è di questi giorni l’ufficialità: “Piazza Grande”, il giornale di strada bolognese nato nel 1993 e dedicato ai problemi dei senza fissa dimora, apre una sua edizione locale reggiana.

Un primo focus sul contesto reggiano è costituito da un’inchiesta, firmata da tre redattori (Bonfrisco, Battini, Montanari) e che ci riguarda da vicino: la storia di due senzatetto, marito e moglie, che hanno trovato rifugio negli stabilimenti ormai abbandonati delle  […]

#17 - Street art alle ''Reggiane''

24 dicembre, ore 23:59

Vi regalo un post ad un orario bizzarro, una specie di strenna tappabuchi per scollinare oltre il letargo natalizio. Come da peggiore tradizione, riciclerò qui un’esperienza domenicale in visita all’esposizione dell’Archivio delle Reggiane” al nuovo Tecnopolo.

Da anni, ogni volta che sulla città di Reggio Emilia scende la luminosa grazia sprovincializzante di un “grande evento”, ci si spintona per accedervi tra drogati di mondanità, evolutissimi radical-shit (sì, proprio così…) e i “compagni cittadini”[…]

Verso un Tecnopolo senza memoria

Il Tecnopolo presso l’area ex “Reggiane” è ormai al via, questione di poco. Tramite le pagine della stampa locale, Antonio Canovi ha in questi giorni riproposto una serie di riflessioni in merito alle evoluzioni a cui lo spazio occupato una volta dalla grande fabbrica è stato sottoposto negli ultimi anni.

«Un danno enorme, forse irreparabile». Non usa mezzi termini lo storico della memoria ed ex direttore di ricerca a Istoreco Antonio Canovi nel commentare la situazione delle “Reggiane”.  […]

Idrovolanti cavriaghesi su piazza Steve Jobs

Il quadrimestrale “23 Marzo” racconta (da poco meno di venticinque anni, comunque da sempre con garbo, perizia e talvolta con ironia) la storia e l’identità culturale della comunità di Cavriago, il paese (tuttora) più costruttivista del mondo, tanto è pervaso di passione, creatività e fede nel leninismo.

Proprio sotto lo sguardo severo del compagno Ul’janov, troviamo la dimostrazione di quanto il patrimonio di eredità culturale e immaginario delle “Reggiane” sia ancora forte e diffuso. […]

Due, tre, quattro considerazioni

Tenevo a darvi un mio ritorno sui tanti ed importanti appuntamenti dell’ultimo Sammartino.

Innanzitutto, ringrazio Daniele Valisena per il bello spunto che ha offerto nel suo articolo, sull’Atelier Bligny come “l’altra voce del Nord”. Era nelle nostre intenzioni, di essere “la” voce del Nord (e non del Palazzo-in-Centro), ma non sarebbe stato possibile senza la splendida disponibilità di Fabio e Fabrizio con le loro fotografie che ci restituiscono le “Reggiane” vive. Il racconto “mancato” […]